lunedì, dicembre 04, 2006

rope on fire

La colonia elioterapica di Brembate è un posto strano. È una dimensione parallela dello spazio sconosciuta ai più e dimenticata da quelli che, per età, non fanno più uso smodato di camporelle, anche se ogni tanto fanno bene a tutti, e anche alla pelle.
I Lexotango sono un gruppo strano. Attrattori di folle dalle disparate provenienze e futuri composti, hanno riunificato il passato remoto in un tempo in levare che ci ha sedotti di nuovo: che abbiano inventato la macchina del tempo?
Io ero completamente stralunata, avete presente un dejà vu di quattro ore? È una cosa che può mandare fuori di testa e può far venire voglia di farsi accompagnare a casa da un vecchio fidanzato, mettere una maglietta a righe e ricominciare tutto da capo.
Oppure, nel caso le bolle spazio-temporali in cui si può fare quello che si vuole non esistano, la mattina dopo, può provocare benessere diffuso, riapertura dei pollini in disuso da tempo, e la coscienza che sì, la giovinezza è trascorsa in modo felice e sincero e con grande energia e la racconterò.
I Lexotango sono la corda del cerchio di fuoco degli affetti, che a volte si forma tra due punti a caso nella circonferenza dei piani di ognuno di noi.
E poi mi viene da piangere, guardo fuori dalla finestra, mi accendo una sigaretta.

Etichette:

2 Commenti:

Anonymous vale ha detto...

uffa!

11:24 AM  
Blogger cilla ha detto...

fai un post di natale un po' sentimentale, così posso commentarlo? - mah! - è che sono al lavoro il 23 dicembre ancora ubriaca da stanotte e penso ok milano puzza, ok ho vissuto in due buchi, e così via, però il 2006 ah sì il 2006 è stato proprio bellissimo ---- che mirella

12:10 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page