giovedì, ottobre 11, 2007

L'amour est un oiseau rebelle

Ecco. Il qualcuno che invocavo nel post precedente si è materializzato, per la precisione sul balconcino dell'amica L.C.
Quando due persone si incontrano e si incantano e si incastrano si dovrebbe organizzare qualcosa. Del tipo: per la prima settimana lasciarli a letto sotto un piumone bianco senza farli uscire. La Repubblica Italiana dovrebbe predisporre un catering apposito di caffè, sigarette e cibo leggero da dispensare a richiesta.
La Regione potrebbe organizzare un ufficio di stagisti che sostituiscano le loro presenze nei rispettivi luoghi di lavoro. Un maggiordomo in livrea dovrebbe dirigere il tutto e capire quando è il caso e quando no, magari rispondere ai loro telefoni e dire: "La signora è impegnata in un viaggio nel Paese dei Grattini, le faremo sapere".
Penso che sì, bisognerebbe fare qualcosa, anche solo per quella settimana di grazia.
In questo modo le persone in questione potrebbero riprendere velocemente la padronanza dei loro tratti somatici e debellare il principio di una paralisi da sorriso prolungato.
Da una diecina giorni a questa parte ho delle occhiaie che mi sembrano persino affascinanti e le gote rosse come Heidi. Sono consapevole di essere disgustosa agli occhi dei più, abituati alla mia letargia e alla sindrome della melancolia da sottobosco autunnale.
Ma sono quasi dieci anni che non mi succedeva una cosa del genere, e in virtù di questo fatto me ne frego altamente. Ritorno appena posso, a tarda sera e dopo le mie solite giornatacce, sotto il piumone bianco ripetendomi: domani usciamo. Sì, domani. Frrr...

Etichette:

5 Commenti:

Anonymous Anonimo ha detto...

ah, l'amour

10:30 AM  
Blogger GGLuigi ha detto...

ahhhhh, l'amour,

ahhhhh, le cobrà...

il cobra non è un serpente ma un pensiero frequente che diventa inecente
quando vedo te(3v)

il cobra non è una biscia ma un vapore che triscia con la traccia che lascia
dove passi tu (3v)

(rit)
il cobra è col sale se lo mangi fa male, perchè non si usa così

il cobra è un blasone, di pietra e di ottone,
è un nobile servo che vive in prigione...

da da da da da.....

il cobra si snoda

si gira e m'inchioda
mi chiude la bocca
ma stringe, mi tocca

oh oh il cobra ah!

1:08 PM  
Anonymous Laura C ha detto...

devo liberare il balcone, togliere i secchi del riciclaggio, dargli una lustrata, magari edificare una piccola serra.

è evidente che è troppo tempo che non fa incantesimi come si deve. il tuo è stato l'ultimo.

8:21 AM  
Anonymous marioski ha detto...

ma tu laura c. SEI un miracolo

9:07 AM  
Blogger llq ha detto...

Ya he visto algunos hay cap sleeve wedding dress

5:49 AM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page